Il Cammino Minerario di Santa Barbara. Turismo lento in Sardegna

Esiste un cammino di 500 km che vi farà conoscere una Sardegna che non vi aspettate dove potrete ammirare la bellezza del mare cristallino, i suoi monti, i suoi antichi cammini minerari percorsi dai minatori a partire dall’800, le ferrovie e le mulattiere usate per il trasporto dei minerali grezzi e infine i luoghi di culto dedicati alla Santa Patrona dei minatori: Santa Barbara.

Un cammino che ti consentirà di rivivere la sua storia in piena contemplazione.

Il Cammino Minerario di Santa Barbara è un percorso ad anello che percorre il Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna nel Sulcis-Iglesiente-Guspinese, patrimonio UNESCO dal 1998.

Son previsti percorsi di 16 km giornalieri da fare senza fretta, al ritmo lento dei propri passi per dare la possibilità, a chi vorrà immergersi nella sua bellezza, di fare delle tappe per poter ammirare oltre che ai suoi incantevoli paesaggi, anche i siti archeologici e le strutture minerarie che si incontreranno lungo il suo percorso 🙂

Si cammina per quasi il 75% del percorso su sentieri, mulattiere, carrarecce e strade carrabili sterrate, mentre il restante 25% è costituito da strade lastricate dei centri urbani e da brevi tratti extraurbani con fondo in asfalto. L’altitudine va dal livello del mare alla quota di 900 m nel sistema montuoso del Marganai: è necessario tenere in considerazione la continua presenza di dislivelli, che tuttavia solo in pochi casi sono strappi impegnativi. Sulla base del chilometraggio, delle difficoltà di percorrenza e della disponibilità di strutture ricettive nei paesi e nei villaggi minerari attraversati, l’itinerario è stato suddiviso in 30 tappe della lunghezza media di circa 16 km ciascuna.

( Camminominerariosantabarbara.org )

Qui troverete le tappe del Cammino così potrete iniziare a farvi un’idea della bellezza di questo territorio che vi aspetta:

Tappa 1 – Da Iglesias a Nebida

Tappa 2 – Da Nebida a Masua

Tappa 3 – Da Masua a Buggerru

Tappa 4 – Da Buggerru a Portixeddu

Tappa 5 – Da Portixeddu a Piscinas

Tappa 6 – Da Piscinas a Montevecchio

Tappa 7 – Da Montevecchio a Arbus

Tappa 8 – Da Arbus a Perd’e Pibera

Tappa 9 – Da Perd’e Pibera a Villacidro

Tappa 10 – Da Villacidro a Monti Mannu

Tappa 11 – Da Monti Mannu a Arenas

Tappa 12 – Da Arenas a Su Mannau

Tappa 13 – Da Su Mannau a San Benedetto

Tappa 14 – Da San Benedetto a Marganai

Tappa 15 – Da Marganai a Musei

Tappa 16 – Da Musei a Orbai

Tappa 17 – Da Orbai a Rosas

Tappa 18 – Da Rosas a Nuxis

Tappa 19 – Da Nuxis a Santadi

Tappa 20 – Da Santadi a Is Zuddas

Tappa 21 – Da Is Zuddas a Masainas

Tappa 22 – Da Masainas a Candiani

Tappa 23 – Da Candiani a Tratalias

Tappa 24 – Da Tratalias a Sant’Antioco

Tappa 25 – Da Sant’Antioco a Carbonia

Tappa 26 – Da Carbonia a Nuraxi Figus

Tappa 27 – Da Nuraxi Figus a Carloforte

Tappa 28 – Da Carloforte a Portoscuso

Tappa 29 – Da Portoscuso a Bacu Abis

Tappa 30 – Da Bacu Abis a Iglesias

Per qualsiasi tipo di informazione sul cammino potete contattare: https://www.camminominerariodisantabarbara.org/

Credo che sia doveroso pubblicare anche una delle tante testimonianze di come il lavoro in miniera, nonostante siano passati degli anni, sia difficile da dimenticare e di quanto Santa Barbara sia stata presente nei loro cuori.

In miniera si lavora in orizzontale per corridoi che sono le gallerie che seguono la vena del minerale. Poi ci sono i pozzi e i fornelli, i collegamenti in verticale tra i livelli della galleria. Servono per scendere e salire, per far girare l’aria, per portare fuori il minerale. In miniera si lavora per vuoti, abbiamo lavorato fino a 60 metri sotto il livello del mare. Togliendo tutto alla terra. Dalla miniera di minerale si usciva bagnati. Con la camicia fradicia d’acqua e di sudore. E quando uscivi non bastava l’acqua per lavarti. La miniera ti rimane addosso, il suo odore di chiuso ti rimane sulla pelle, il sapore del minerale ti impregna gli abiti, il corpo. Più la galleria si stringe, più scendi nelle viscere della terra, più fa caldo, manca l’aria…

Gerardo, ex minatore, Carbonia

Ti è piaciuto questo articolo?

Condividilo con i tuoi amici